Transurfing Apocrifo

Transurfing ApocrifoIntervista con Vadim Zeland presso la casa editrice ЭКСМО sul nuovo libro “Transurfing Apocrifo”*.

*Transurfing Apocrifo è stato tradotto in italiano con il titolo Transurfing Vivo.

Trad. dal russo di Luciano Gianazza

Da dove viene il titolo: “Transurfing apocrifo”?

Apocrifi sono chiamati i testi non canonici i cui contenuti deviano dalla dottrina ufficiale, e sono quindi rigettati dalla chiesa. L’insegnamento viene escluso quando rompe gli stereotipi convenzionali e diventa “scomodo”. Allo stesso modo, alcuni aspetti che sono enunciati nel Transurfing possono essere scomodi (indesiderati). Chiaramente, il libro sta raccogliendo più controversie e risentimento che accettazione ed approvazione. Ed è già evidente dalle reazioni di coloro che lo hanno letto.

Ma come, hai già dei feedback negativi?

Oh sì, ed è molto gratificante. Significa che i miei sforzi hanno raggiunto il loro obiettivo. Un libro può essere considerato un successo se raccoglie sia sostenitori che oppositori ardenti. Andare bene e senza intoppi accade solo nel vuoto. Quindi, gli attacchi mi rendono felice non meno delle recensioni entusiastiche.

Di che cosa ti accusano?

Sai, c’è una categoria di lettori che girano intorno, senza scavare nell’essenza delle cose, e per tutto il tempo sono in attesa di qualcuno che apra qualcosa, per cui rimarrebbero semplicemente senza fiato, che dia loro subito l’illuminazione. Queste cosiddette “marionette” pensano che dovrebbe bastare girare una chiave magica e aprire il segreto. In effetti non c’è alcun segreto. Il segreto è che la chiave non è mai stata nascosta – è letteralmente in superficie, e questo è già stato scritto in molti libri. Ma le marionette non la vedono, perché la loro percezione si trova in un differente spettro di vibrazioni. Passando frettolosamente da un libro all’altro, si fermano solo per un attimo per esclamare: “Ah! Ho già sentito parlare di questo. Non c’è nulla di nuovo” – e corrono via.

In effetti, ogni libro offre alcuni nuovi aspetti della conoscenza e “Transurfing apocrifo” in particolare. Per quanto ne so, nell’ambiente esoterico nessuno ha ancora affrontato la questione della percezione della realtà ambientale con tale punto di vista inaspettato. In passato, per spostare il punto di connessione, i Maghi hanno fatto uso di droghe psichedeliche. Qui, invece, viene ottenuto mantenendo uno stato completamente sobrio. Lo stesso obiettivo viene raggiunto in modo così semplice e naturale che sembra che non occorra nemmeno una chiave. Le marionette credono che il segreto – il mistero – debba per forza essere un fatto misterioso, come le rivelazioni da extraterrestri. E poi con il naso immerso nella sgradevole realtà quotidiana in cui sono – come pazienti di un ospedale psichiatrico, imbottiti di droghe psichedeliche ridotti fino a uno stato di vegetale – non riescono a trovare la chiave. Quindi sono arrabbiati.

E tu, prima di questo cosa hai raggiunto?

Non pensare che io creda di essere qualcosa che in realtà non sono. Io stesso sono stato come una marionetta, e non 300 anni fa ma in tempi recenti. Io stesso ho fallito, perché, in effetti, con così tanti libri che sono stati scritti la conoscenza è di pubblico dominio, e avevo compreso con la mente, ma non a livello di esperienza. Dopo tutto, capire e realizzare – sono cose completamente diverse. Si scopre che tutto è piuttosto banale: per uscire dal proprio torpore basta smettere di ingoiare pillole di cui si è imbottiti. E allora arriva qualcosa di veramente insolito – ti liberi dall’incantesimo, ti svegli nel sogno cosciente e inizi a chiederti chi sei, dove sei, e cosa succede intorno a te.

E che cosa è questa pillola?

Si tratta di una questione piuttosto complessa. La realtà in cui esistiamo, non è come quella che c’era pochi decenni fa. I cambiamenti avvengono molto rapidamente ed evolvono come una valanga, con accelerazione. Tutti conoscono il termine biosfera come habitat per le creature viventi. Ma poche persone sanno e riflettono riguardo al concetto di Tecnosfera. Tecnosfera – tutti i conseguimenti della civiltà tecnologica, che iniziano dagli elettrodomestici e terminano con i prodotti alimentari. Tutto ciò che viene in contatto con la Tecnosfera, tra cui l’uomo stesso, subisce una non sempre evidente ma fondamentale trasformazione.

Quando la civiltà ha intrapreso il cammino del progresso ideato dall’uomo, ha attivato delle leggi che in precedenza non erano manifeste. Ora l’azione di queste leggi porta la Tecnosfera ad essere costantemente coinvolta in Matrix. Matrix – è un sistema conglomerato in cui l’uomo svolge il ruolo di batteria per l’alimentazione del sistema. Film come “The Matrix” e “Surrogates” – non sono fantascienza, ma il nostro futuro prossimo. Il problema qui non è nemmeno la tecnologia che circonda l’uomo. Quando le persone cadono nel campo comune di informazioni creato da ogni genere di media, sono prigioniere del sistema. Non è la persona che controlla il sistema, ma è da esso completamente controllata e assoggettata. Nella rete globale dell’informazione questo avviene facilmente.

E a chi giova?

A nessuno. L’uomo è veramente abituato a pensare che tutto ciò che sta accadendo attorno a lui avvenga per volontà di altre persone. In effetti, il sistema si sviluppa in modo indipendente. Chi gestisce la giungla? Nessuno – le piante crescono e vivono come dovrebbero, da quando si riunirono e cominciarono a provare a vivere in qualche modo insieme. Comprendi?

Ma il sistema persegue ciò che gli conviene. Ha bisogno di arrivare a un punto di stabile equilibrio, conformandosi a un modello ottimale, dove le persone, come dei cyborg, lo mantengono in esistenza. Che cosa occorre? Le cellule con cui Matrix dovrebbe essere riempita dovrebbero essere elementi obbedienti. Ma questi elementi devono essere, in primo luogo, non del tutto sani, così da non avere energia libera, e in secondo luogo, un po’ ottusi da non capire dove sono. L’energia e la volontà cosciente dovrebbero essere appena sufficienti per adempiere correttamente ai loro impegni lavorativi – né più né meno.

Non ti chiedi perché, dopo il lavoro molti non vogliono fare altro che afflosciarsi sul divano a guardare la TV? La stanchezza di questo genere è comune, ne siamo abituati. Ma questo è normale? No. Usuale non vuol dire normale. E non ti è capitato di pensare perché la vita dell’uomo moderno viene letteralmente sforbiciata prima dei 20 e dopo i 40 anni? Come stagista non ti vogliono, perché non hai esperienza, e dopo i quarant’anni, non hanno più bisogno di te proprio perché ti hanno spremuto quanto più hanno potuto. Per lo stesso motivo, dopo quarant’anni non si è molto interessati al sesso opposto. Ancora una volta, è normale? Usuale – sì, ma in realtà, c’è qualcosa di sbagliato qui, non è vero? Beh, non dovrebbe essere così!

Un’altra cosa che avvantaggia il sistema è la riduzione della popolazione. Sembra che la riduzione del numero dei consumatori porti a inferiori profitti dei quali usufruisce il sistema. Ma in realtà, quando il sistema sarà convertito in Matrix, i consumatori superstiti diventeranno fornitori completamente gestiti, e i proventi da essi derivati saranno totalmente controllati e quindi meglio organizzati, non come adesso che puoi ancora scegliere ciò che vuoi (per il momento c’è ancora la possibilità di scegliere) e fare quello che vuoi, se non sei abbastanza zombie. Questo è l’obiettivo e il significato di una tale circonvoluzione.

E ancora una volta compare la domanda: “C’è qualcuno dietro a tutto questo?” E’ di moda discutere su voci vaghe riguardo a una sorta di governo mondiale, noto anche come club Bilderberg, che comprende le persone più influenti e più ricche del pianeta. Ma questo è uno stratagemma per distogliere l’attenzione dal sistema. Molte persone ingenuamente credono che per risolvere il problema basterebbe sistemare questo piccolo gruppo di parvenu che segretamente immaginano di soggiogare l’intera popolazione della Terra. Assolutamente no. Se nel giardino distruggi solo le cime delle erbacce, scompariranno?

Le persone al potere sono marionette del sistema in maggior misura rispetto alle persone comuni. Il sistema controlla direttamente i primi e indirettamente i secondi tramite pubblicità, falsi obbiettivi, disinformazione, tagliatelle e altro, che somministrano a loro tramite i primi. Nella società moderna non c’è modo che qualcuno pensi a qualcosa di globale, per esempio scatenare una guerra, e che poi realizzi il piano da solo. Il banchiere non sarà in grado di finanziare un tale costoso “divertimento” se non si agisce tramite le autorità di un gruppo appropriato, che a sua volta non agirà se non sono maturate le condizioni adeguate per attuarlo. Nel sistema ogni cosa è correlata e intrecciata. Ma le cause non vanno ricercate nelle condizioni, ma molto più in profondità, dove queste condizioni hanno origine.

Come, dunque, vengono realizzati i piani del sistema? Molto semplice: in primo luogo, manipolando l’attenzione della maggior parte delle persone, e poi, ancora più facile, attraverso i cibi che mangiano.

Dirigere l’attenzione – il metodo più efficace di controllo in assoluto. Non è nemmeno necessario fare un po’ di propaganda ideologica particolare – quel tanto che basta per far si che un asino pensi alla carota appesa davanti al suo naso, e lui docilmente la seguirà ovunque. Il principio è quello di fissare l’attenzione su informazioni che sono utili al sistema, ma da questioni di vitale importanza l’attenzione viene in tutti i modi depistata su cose senza importanza. Possiamo fare molti esempi di come avviene.

Malattie inventate, di cui tutti devono urgentemente occuparsi, e il problema del cancro, i casi sono in crescita anno dopo anno, conducono lontano da decisioni chiave. Ora, molto spesso nelle notizie scivola l’informazione che è finalmente stata trovata la cura per il cancro. E ‘divertente, ma triste allo stesso tempo. Questo perché, vengono presentate come “scoperte meravigliose”! E le persone continuano a morire. Quando la causa prima e principale è stata scoperta all’inizio del secolo scorso dal Dr. Otto Warburg. Ma questo è stato presto dimenticato.

Il fatto che la biosfera si sia evoluta in modo specifico nella tecnosfera con ciò che ne consegue, non viene espressamente menzionato da nessuna parte. L’attenzione viene spostata su cose completamente differenti che ancora devono avvenire, e non è certo che avvengano. Per esempio, il riscaldamento globale, raffreddamento globale, inondazioni, l’anno 2012, ecc

Le discussioni sul film “Avatar” si concentrano sugli effetti speciali, ma della divisione della società in sostenitori della tecnosfera e sostenitori della biosfera, che ci aspetta nel prossimo futuro, non se ne parla. Il motivo per cui Avatar non ha vinto un Oscar è che il film obbliga a pensare nella “direzione giusta”. Si vuole dare ad intendere che non è da temere il sistema, ma quegli “arabi aggressivi”, per esempio – che per qualcuno rappresentano una minaccia reale .

Anche questo non significa che i media orientino le persone in gran segreto in una direzione stabilita. Tutto accade da sé, come avviene nella giungla. Attirare l’attenzione dell’uomo moderno, infarcito di informazioni non è così semplice. E qual è il modo più facile per attirarlo? Usare tutto ciò che preoccupa, mette ansia, spaventa. I media lavorano in questa direzione, non consapevolmente, ma a livello di istinto di giornalista.

Il controllo viene eseguito in modo così tranquillo, in modo così sottile e “naturale” che nessuno ha dei sospetti. Un elemento del sistema non si renderà nemmeno conto di come gli metteranno i chip elettronici e sarà pienamente sotto controllo, come un coniglio in gabbia. Solo che il chip non sarà impiantato nella testa, naturalmente – questo è un trucco per sviare l’attenzione. Lascia che la massa si diverta abbondantemente protestando contro questo atto disumano che priva un individuo dei suoi diritti. Tutto sarà fatto in modo molto di più raffinato, per esempio con la patente di guida o il bancomat, senza i quali le persone condizionate semplicemente non possono sopravvivere. Gli verrà chiaramente spiegato che è per il suo bene, convenienza e sicurezza. E la stragrande maggioranza come sempre crederà in questa complessa montatura che viene spinta e che ubbidientemente accetteranno, mentre sugli oppositori verrà gettato fango e saranno etichettati come eccentrici ed emarginati.

Bene, con tutte queste informazioni ora è tutto è più o meno comprensibile. E il cibo davvero può servire da strumento di controllo?

Sì, facilmente. Ciò che entra nell’uomo diventa poi un gancio con cui si può appenderlo ovunque come una bambola di pezza. E al tempo stesso questo metodo di controllo si dimostra così “naturale” e velato che la “bambola” non si accorge di nulla e pensa che tutto vada bene come dovrebbe.

Bertrand Russell, filosofo e pacifista britannico, molto tempo fa scrisse che per mezzo dell’alimentazione e “trattamenti” con speciali preparati è perfettamente possibile creare un tipo di persone che sono altrettanto docili come un gregge di pecore.

Il governo degli Stati Uniti nel 1974 proclamò la necessità di ridurre la popolazione nei paesi del terzo mondo per motivi di sicurezza nazionale. Il segretario di Stato Henry Kissinger, in un memorandum per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti ha espressamente raccomandato, insieme al provocare guerre, l’uso del cibo come strumento per ridurre la popolazione. Kissinger era un uomo molto intelligente in cima alla lista dei cento intellettuali più dotati del mondo. Anche se il motivo per cui era – è ancora vivo – in buona salute a 86 anni, è perché non mangia ciò che raccomandava agli altri, le persone in eccesso su il nostro pianeta. Lui – Nobel per la Pace, come l’attuale presidente. (Il sistema sa a chi deve dare tali premi.) Lui – un membro del club Bilderberg.

Aveva perfettamente capito che la società delle batterie-zombie è facilmente suscettibile alla pubblicità del mangime di Matrix e quei pochi che si sveglieranno e capiranno in quale trappola per topi li stanno attirando, questa società li ridicolizzerà e li considererà una sorta di “inferiori”.

Ancora molto prima di questo memorandum, il sistema costantemente ha dato origine a questo flusso come eugenetica (l’idea di “igiene razziale” e il ridimensionamento della popolazione). I primi tentativi di esperimenti degli aderenti all’eugenetica erano primitivi, disumani, “erano antidemocratici”, come si usa dire adesso, e trovarono un rapido responso nelle ideologie del nazismo e dello stalinismo. Al momento attuale tutto viene fatto in modo più sottile (quasi con grazia) e di nascosto, attraverso la chimica e gli organismi geneticamente modificati (OGM).

Tecnologia transgenica – una geniale invenzione del sistema, prende due piccioni con una fava: è sia un mezzo per ridurre la popolazione, ed un mezzo per minare la sicurezza alimentare dei singoli paesi, perché i semi di piante modificate sono sterili, mentre la banca dei semi è sempre nelle mani delle multinazionali. Lo strumento di controllo ideale. E non è necessario scatenare delle guerre. Semplicemente al momento giusto si nega la fornitura di semi ai disobbedienti e puoi fare con loro quello che vuoi.

Il sistema costantemente migliora i propri metodi. In realtà, una tale politica primitiva dei sostenitori dell’eugenetica, della sterilizzazione forzata, ovviamente solleva ondate di proteste pubbliche. Ma ancora una volta, è uno stratagemma per distogliere l’attenzione, una sorta di osso da rosicchiare gettato fra la folla. I metodi efficaci lavorano impercettibilmente e poco alla volta, adattandoli all’opinione pubblica e sotto la copertura di presunti scopi umanitari. Tale mimetismo visto dal di fuori sembra sempre appropriato, per esempio: la modificazione genetica delle piante è necessaria e benefica, dal momento che aumenta la produttività ed elimina la necessità di pesticidi. Beh, giudicate anche voi, è forse una brutta cosa?

In realtà, è un mito creato artificialmente dalle multinazionali. I fatti dimostrano che la resa delle piante transgeniche è molto inferiore, e al posto dei precedenti parassiti ed erbe infestanti ne appaiono altri che non hanno paura di nulla e per i quali è già necessario inventare nuovi pesticidi. Nei campi di soia geneticamente modificata c’è silenzio: non si sente nessun canto di uccelli, nessun ronzio di insetti, di solito non si osserva alcun movimento di vita, come se queste piante fossero di plastica. Ma per coloro che proprio non vedono tutto questo, una salsiccia non è così terribile, non sono neanche a conoscenza che gli ingredienti ottenuti da OGM sono già aggiunti praticamente a tutti i tipi di cibo: semilavorati, carni, dolciumi, latticini, cereali, cioccolato, maionese, salse e bevande – tutto il cibo di Matrix che si trova al supermercato. E non esitano ad aggiungerli persino negli alimenti per l’infanzia. Ma poche persone sono veramente informate su questo, perché tutte le informazioni sono accuratamente nascoste.

E non è stato fatto alcun studio?

Sì, ma come vengono richiesti dalle multinazionali che producono OGM. I risultati di tali studi sono, ovviamente, da esserne felici e contenti: “I transgenici sono assolutamente innocui”. Suppongo che i nuovi ricercatori assunti ora stiano lavorando sodo ancora per dimostrare che sono estremamente utili. L’unico studio indipendente fu condotto dalla Dott..ssa in Biologia Irina Ermakova, ma fu ben presto chiuso in gran fretta perché portava a conclusioni sconvolgenti.

Negli Stati Uniti hanno anche approvato leggi, una delle quali vieta di coltivare frutta e verdura nel proprio orto, e un’altra vieta un’etichettatura appropriata dei prodotti contenenti OGM. In pratica alle persone viene di fatto negata la facoltà di scegliere. Mangia quello che ti danno e stai zitto. Suona pazzesco, non è vero? Per ora i paesi dell’Unione Europea a questo riguardo sono molto indietro. Noi (Russi) invece molto presto recupereremo il ritardo con l’America. Ciò che in Europa non mangiano lo scaricano da noi come se fossimo i container della spazzatura. Nei nostri supermercati non si ha modo di determinare se un prodotto contiene o no OGM, perché i nostri deputati (elementi molto ubbidienti e fedeli del sistema), non solo si sono categoricamente rifiutati di esaminare la questione, ma hanno addirittura abolito la certificazione dei prodotti.

La cosa più interessante è che le azioni politiche del governo degli Stati Uniti (o “governo mondiale” – chiamatelo come volete), dirette contro il terzo mondo, hanno portato conseguenze imprevedibili agli stessi Stati Uniti. Un terzo degli Americani è sterile. Perché pensi che si sono così preoccupati quando il programma di adozioni di bambini russi da parte di famiglie americane è stato sospeso? Un altro terzo degli americani soffre di una disabilitante obesità. Ma una trentina di anni fa era una nazione di sportivi, ossessionata dai prodotti biologici (naturali). Per di più oltre un terzo prende antidepressivi. Queste sono semplici statistiche osservabili. E tutti sono in giro con aria innocente e spensierata convinti che questa sia la norma. Non sorprende nessuno il fatto che la sindrome da stanchezza cronica e stress è diventata uno standard di vita della persona contemporanea. E anche questo è normale. Non sta succedendo nulla, vero?

Quindi da dove arrivano tali drammatici cambiamenti? Perché nessuno è più interessato ai prodotti biologici? La ragione è molto semplice: il cibo morto, sintetico, il fast food in particolare, che in America ormai è il più diffuso, induce dipendenza, non diversa da quella indotta dalle droghe. L’intera popolazione della Terra è composta da persone cronicamente assuefatte psicologicamente al cibo.

Ricordi la storia di Sinbad il Marinaio? Quando i naufraghi arrivarono sull’isola gli abitanti li accolsero molto cordialmente, e diedero a loro del cibo delizioso. I compagni di Sinbad mangiarono questo cibo per molti giorni, i loro corpi gradualmente ingrassarono moltissimo, e la coscienza si affievolì. Smisero di valutare oggettivamente la realtà. Alla fine furono mangiati dagli abitanti. Non smetto di ripetere che le fiabe e le fantasie non sono tali – sono tutti aspetti della nostra realtà sono già avvenute o devono ancora avvenire.

Un’altra semplice statistica: parecchi anni fa negli Stati Uniti morì un terzo delle api. Perché questo accadde, non si sa esattamente. Le possibili cause sono: inquinamento elettromagnetico causato dalla telefonia mobile, piante transgeniche, chimica, e probabilmente tutte queste cose insieme. Cosa significa questo? Non avremo più miele? No, molto peggio, delle piante non verranno impollinate dalle api. E quante pensi? Tre quarti come minimo. In alcune province della Cina le api sono state distrutte completamente dai pesticidi, e ora le coltivazioni vengono letteralmente impollinate a mano. Ma questo problema non preoccupa nessuno – tutti si preoccupano per il mito dell’anno 2012 inventato molto tempo fa dai Maya.

Tutto questo è molto triste. L’uomo, immaginando se stesso come re della Natura, con arroganza ed azioni distruttive ha alterato una biosfera unica, sviluppatasi nel corso di milioni di anni. Capisci cosa sta succedendo? E’ come lasciare una scimmia in un laboratorio chimico. E qualunque cosa che questa scimmia faccia, da posizioni scientifiche o super-scientifiche, non importa quali siano le intenzioni, si tradurrà in un disastro.

Riassumiamo

L’idea di base che che voglio trasmettere è che non siamo governati da persone specifiche – siamo solo insieme e inconsapevolmente avanziamo in Matrix, dove ci sarà un sistema di controllo totale. Tutto questo avviene sotto l’egida delle riforme democratiche e umanitarie in atto nel quadro della cooperazione, la pace e la salvezza del genere umano, ecc. Un uomo reso schiavo dal sistema, perde non solo la libertà di scelta, ma comincia a volere esattamente ciò che beneficia il sistema.

E questo processo è iniziato e diretto non intenzionalmente, avviene da sé, in conformità con le leggi auto-regolatrici del sistema parassitario, cioè con comportamento previsto di ogni singolo componente, uomo incluso. Pochissime persone vedono e comprendono questo.

I gentiluomini del club Bilderberg possono immaginare di essere in grado di controllare qualcosa, ma è un errore – il sistema inghiottirà anche loro, e per primi. La situazione è da tempo fuori controllo. Anche se potrebbero averlo già capito, perché si presume che siano certamente persone molto intelligenti.

E l’ultima domanda, che cosa offri e cosa hai realizzato personalmente?

Questo è di cui parla il libro e chi è interessato troverà le risposte lì. Tutto ciò che scrivo, l’ho verificato con la pratica. Nella mente si verificano notevoli cambiamenti. Una sensazione insolita, difficile da trasmettere, ma io la definirei illuminazione. L’essenza delle cose si rivela, la realtà si presenta in una forma non familiare, si comincia a vedere la realtà com’è veramente, tutto diventa comprensibile, come se un velo cadesse. Al livello dell’energia si sente leggerezza e forza, l’attenzione è elevata. E tutto questo si ottiene mediante un metodo semplice e naturale, senza meditazione, esercizi e altre manipolazioni del corpo e dell’anima. Molti dei miei lettori hanno già provato alcune tecniche e all’unisono confermano che succede la stessa cosa.

Significa che hai già dei seguaci?

Ci sono stati molti responsi entusiastici e questo fa piacere. A chi ha provato è piaciuto molto. Dopo tutto, si può stare dentro il sistema normalmente ed usarlo. Almeno per adesso. Il senso è che tu usi il sistema e che il sistema non usi te. E, naturalmente, ci sono quelli che capiscono questo e non vogliono che qualcuno li prenda per il naso. Ma ci sono anche quelli che mi accusano di essermi allontanato da una sorta di Transurfing “canonico”, e che scrivo cose deliranti perché non ho più niente da dire.

Per le marionette il “Transurfing Apocrifo” è molto scomodo, e parlano con disprezzo quando “cerco di privarli della gustosa salsiccia”. Ma questo per me è del tutto sleale. Adesso mi sento offeso, giuro. Al contrario non voglio portar via la salsiccia a nessuno e in generale non invito nessuno a seguirmi. Non ho bisogno che qualcuno mi dimostri qualcosa e difenda il suo punto di vista. Ho un sacco di altre attività più interessanti. Non posso e non cerco di cambiare il mondo. Faccio del mio meglio per condividere le informazioni con quelli che sono disposti ad accettarle. I lettori stessi dovrebbero decidere autonomamente di che cosa hanno bisogno o meno. E se non ne hanno bisogno, possono anche solo prenderne atto. Dopo tutto, le credenze tendono a modificarsi nel tempo. Prenderne atto – non significa concordare o dissentire, discutere o non discutere, rifiutare o non rifiutare. Capisci? – Vadim Zeland

La trilogia in italiano del Transurfing di Vadim Zeland

Reality TransurfingLo Spazio delle Varianti Reality Transurfingll Fruscio delle Stelle del Mattino Reality TransurfingAvanti nel Passato
vadim zeland libri