Il muretto di Vadim Zeland

Il muretto di zelandOgni tanto è bello fare una pausa e smettere di parlare di cose profonde come gli aspetti filosofici della vita, e fare quattro chiacchiere su particolari curiosi di personaggi che hanno destato il nostro interesse per alcuni loro aspetti misteriosi.

Quando 5 anni fa (nel 2012) pubblicai la foto di Vadim Zeland appoggiato a un muretto mentre volge le spalle al mare, iniziarono a giungermi email di persone che volevano sapere dove era stata fatta quella foto. Ho sempre risposto che Vadim ha espresso il desiderio che non venissero rivelati particolari della sua vita privata e fra questi anche dove vive.

Infatti in un’intervista Vadim dice questo: “Quando mi viene chiesto dai lettori affascinati “Chi sei tu, Vadim Zeland?”, di solito rispondo “Io non sono nessuno (di speciale)”. La mia biografia (la mia vita) non può e non deve essere di alcun interesse, in quanto non sono stato io che ha creato il Transurfing, ho semplicemente fatto da canale di antica Conoscenza che dà accesso ad un mondo in cui l’impossibile diventa possibile.

Ho dato questo titolo alla pagina che stai leggendo perché in diverse email che ricevo, quando si riferiscono a questa foto scrivono “la foto col muretto”.

L’interesse mostrato per questa fotografia, in particolare per il muretto e dove si trova, mi ha sempre divertito, e penso di non andare contro il desiderio di Vadim Zeland di conservare la sua privacy pubblicando alcune foto del muretto visto da differenti prospettive, rispondendo parzialmente alle domande che mi sono state fatte al riguardo.

La foto di Vadim Zeland con il muretto

La foto di Vadim Zeland con il muretto

Il muretto di Vadim Zeland 2

Questa foto è stata scattata un centinaio di metri più indietro

Il muretto di Vadim Zeland 3

Bellissima questa vista con le nuvole che stanno arrivando.

Il muretto di Vadim Zeland 6

Il sereno dopo la tempesta e la bassa marea!

Il muretto di Vadim Zeland 4

Bellissimo tramonto! O alba?

Il muretto di Vadim Zeland 5

Eh, qui fa freddo a volte!

vadim zeland libri